Vai al contenuto
Sei in Home » Idee per viaggiare » Gite e weekend » Non solo Amsterdam: 5 città olandesi da visitare

Non solo Amsterdam: 5 città olandesi da visitare

Siete in cerca di idee per trascorrere qualche giorno di vacanza durante uno dei prossimi ponti di primavera o magari per l’imminente estate? Vi propongo cinque città olandesi molto antiche ed affascinanti, facilmente raggiungibili con mezzi pubblici perché tutte dotate di stazione ferroviaria posta in centro o nelle sue immediate vicinanze.

Per molti turisti i Paesi Bassi sono Amsterdam. Visitare quella città non significa “aver visto i Paesi Bassi”, è solo una parte ed anche quella più turistica ed in stile Luna Park. In questo piccolo paese dell’Europa occidentale ci sono molte altre città che meritano di essere scoperte e visitate. Senza nulla togliere alla capitale olandese che, peraltro, almeno una volta va vista, ci sono diverse città medie e piccole che meglio rappresentano l’essenza e la bellezza di questa nazione rispetto ad Amsterdam.

La mia proposta di viaggio è un itinerario tra le città di Haarlem, Leiden, Delft, Utrecht e Maastricht di almeno otto giorni. Tutte e cinque sono bagnate da un fiume e molto antiche e meritano assolutamente di essere scoperte per la bellezza dei loro centri storici ma anche dei monumenti e musei. Anche il divertimento serale e notturno non è da sottovalutare tra una buona scelta di locali in cui cenare, teatri, concerti e spettacoli vari.

Itinerario di visita tra cinque città olandesi

Link alla mappa su Google Maps: https://www.google.com/maps/

La partenza di questo percorso che si snoda in alcune storiche città olandesi è dall’aeroporto di Schiphol ma potete modificarlo a vostro piacimento partendo da Amsterdam o anche riducendo il numero delle città da vedere in base al tempo a disposizione.

Tutte le cinque città del tour sono facilmente raggiungibili dalla capitale olandese in treno e da ciascuna di esse è semplice ritornare in treno all’aeroporto di Schiphol o ad Amsterdam, a seconda di dove siate partiti per visitarle.

Haarlem

Il tour che vi propongo parte da questa perla della provincia del Noord Holland, posta a breve distanza da Amsterdam ma anche dal suo aeroporto Schiphol AMS e bagnata dal fiume Spaarne.

Una volta atterrati all’aeroporto di Schiphol è facile ed economico raggiungere la stazione ferroviaria Haarlem Centraal con l’autobus. A seconda dell’orario c’è un bus diretto oppure occorre effettuare un cambio. Il bus diretto Connexxion Rnet 300 (direzione Haarlem Station) impiega circa 43 minuti e costa euro 5,49 (biglietto intero per adulto sola andata). Altrimenti occorre prendere il bus Connexxion Rnt 300 in direzione Bijlmer Arena Amsterdam, scendere alla fermata Schiphol Noord e poi prendere il bus Connexxion Rnet 356 che arriva alla stazione centrale di Haarle. Il viaggio con cambio dura circa 38 minuti e costa euro 5,32 (biglietto intero per adulto sola andata).

In treno invece, a seconda dell’orario scelto, occorre cambiare ad Amsterdam Sloterdijk (scelta consigliata) oppure Leiden ed il costo è di circa euro 7,10 per adulto in seconda classe, sola andata. Il tempo totale di viaggio in treno è di soli 28 minuti nel caso in cui si cambi ad Amsterdam Sloterdijk oppure di circa 42 minuti nel caso di cambio a Leiden.

Optando per la soluzione di viaggio con cambio ad Amsterdam Sloterdijk, la direzione da prendere tra Schiphol e Amsterdam Sloterdijk è Hoorn Kersenboogerd (treno Sprinter). Successivamente occorre prendere l’Intercity verso Vlissingen che ferma ad Haarlem.

Per quanto riguarda cosa fare e vedere ad Haarlem, vi rimando direttamente al dettagliato articolo che avevo scritto qualche tempo fa https://giringiro.eu/2023/04/haarlem-nei-paesi-bassi-perche-visitarla-e-cosa-fare/ .

Un paio di giorni sarebbe bene dedicarli ad Haarlem ed ai suoi monumenti.

Da Haarlem si può raggiungere la stazione di Leiden Centraal in circa 19 minuti con un Intercity oppure con un treno Sprinter che impiega 4 minuti in più. Le direzioni da prendere sono Vlissingen oppure Den Haag Centraal. Il prezzo del biglietto è uguale per Intercity o Sprinter ed è pari a euro 6,90 per un adulto in seconda classe, sola andata.


Ufficio turistico di Haarlem

E’ situato nella piazza Grote Markt al civico 2, sito web https://www.visithaarlem.com/vvv-haarlem/

Leiden

La città si Leiden è situata nella provincia dello Zuid Holland. Rientra a pieno titolo tra le città olandesi da non perdere come vi ho anche spiegato in questo articolo https://giringiro.eu/2022/08/a-spasso-per-leiden-cosa-vedere-e-fare/ .

Anche in questo caso due giorni sono il minimo per poter apprezzare le bellezze di Leida e visitare almeno un paio dei suoi numerosi musei.

Da Leiden Centraal si raggiunge agevolmente la stazione ferroviaria di Delft in circa 20 minuti di viaggio con un Intercity in direzione Dordrecht o Vlissingen. Il costo del biglietto per un adulto in seconda classe, sola andata è di euro 5,90.


Ufficio turistico di Leida

L’ufficio VVV Leiden è situato vicino alla stazione centrale di leiden. L’indirizzo è Stationsweg 26, sito web https://www.visitleiden.nl/en

Itinerario di viaggio nei Paesi Bassi
Panorama della città di Delft dalla torre della Nieuwe Kerk

Delft

Ed eccoci arrivati a Delft la piccola e graziosa cittadina delle ceramiche Delfts Blauw nella provincia dello Zuid Holland.

Oltre che per le sue magnifiche ceramiche bianche e blu (se possibile visitate un laboratorio artigianale in cui si producono a mano questi capolavori), la città è ricordata per essere stata una delle più antiche città dei Paesi Bassi ed un’antica sede della casa regnante olandese. Nel 1246 il conte Guglielmo II le concesse i diritti di città e nel 1572 Guglielmo d’Orange trasferì la corte in un ex monastero nel centro di questa città che poi prese il nome di Prinsenhof.

Nonostante la corte Nassau-Oranje si sia poi spostata ad Amsterdam, nella centrale ed imponente chiesa Nieuwe Kerk di Delft dall’epoca di Guglielmo d’Orange sono sepolti i reali olandesi come ad esempio le regine Juliana e Wihelmina, rispettivamente nonna e bisnonna dell’attuale Re Willem-Alexander van Oranje Nassau. Suggerisco di salire sull’alto campanile per poter ammirare il panorama.

Un altro monumento da non perdere è la chiesa Oude Kerk dove invece c’è la tomba del famoso pittore olandese Jan Vermeer che nacque e morì a Delft (1632/1675).

Itinerario di visita nei Paesi Bassi
Delft Stadhuis, il municipio della città

Cosa’altro vedere a Delft? Tra le altre attrazioni da non perdere ci sono la Oostpoort ossia la porta est di accesso alla città vecchia del 1400, il bell’edificio rinascimentale del Municipio opposto alla Nieuwe Kerk sulla centrale piazza Markt, il mulino De Roos (1760), il Kruithuis (la ex polveriera), il Museo Prinsenhof, il Museo Royal Delft, girovagare a piedi nel centro storico.

Itinerario in 5 città olandesi
Edifici medievali e rinascimentali nel centro storico di Delft

In un’intera giornata si può ammirare Delft ma, se si potesse avere a disposizione una giornata e mezza, sarebbe meglio.

Da Delft si raggiunge Utrecht Centraal in treno sia con Intercity diretti (direzione Arnhem Centraal) che con un cambio da effettuare a Den Haag oppure Rotterdam. I tempi variano dai 58 minuti ad 1 ora e 15 minuti a seconda della soluzione di viaggio scelta. Il costo del biglietto è di euro 14,80 per un adulto in seconda classe, sola andata sia per l’Intercity diretto che per la formula Sprinter+Intercity con 1 cambio.


Ufficio turistico di Delft

Lo sportello del VVV Delft è situato dentro la stazione ferroviaria, sito web  (olandese/inglese) -> https://www.indelft.nl/en

Visitare Utrecht
Eleganti edifici si affacciano sul canale Nieuwegracht di Utrecht

Utrecht

In circa 15 minuti a piedi dalla stazione si raggiunge il centro città con la piazza Domplein e la magnifica cattedrale incompiuta e sormontata dalla gigantesca torre Domtoren.

Utrecht è capoluogo dell’omonima provincia. Veniamo abbastanza spesso a fare una passeggiata in questa animata città perchè il suo centro storico pedonale è molto grazioso e caratterizzato da un patrimonio storico ed artistico di rilievo. Basti pensare che Utrecht è la città con il maggior numero di monumenti nazionali dell’intera nazione. 

La città sorse sui resti di una fortificazione romana che segnava uno dei confini (limes) settentrionali dell’Impero Romano. Sopra l’area in cui sorse questo castrum romano vennero poi edificate la Cattedrale e la torre. Grazie alla posizione sul fiume Reno Utrecht divenne, nel corso dei secoli, una città molto importante dal punto di vista commerciale.

Percorso di visita in cinque città olandesi
Una casa fortificata di Utrecht che si specchia sul canale

Cosa vedere ad Utrecht? Le tre chiese principali (Dom, Janskerk e Pieterskerk) ed alcune delle numerose case fortificate, dette “Stadskasteel”) di epoca medievale che ancora si affacciano sui canali e che dimostrano la potenza che avevano raggiunto le famiglie aristocratiche di questa città tra il 1200 ed il 1600. Un po’ come le case-torri di San Gimignano che erano un’ostentazione del potere e della fama delle famiglie più ricche.

Tra queste vi segnalo: casa Oudaen del 1280 (Oudegracht 99), Huis Zoudenbalch del 1467/68 (Donkerstraat 15-19), Leeuwenbergh Gasthuis del 1567 dove venivano confinati i malati di peste per evitare la diffusione della malattia (Servaasbolwerk 1a), Sint Eloyen Gasthuis detta anche casa della corporazione dei fabbri (Boterstraat 22) e molte altre ancora.

Consiglio di salire i quasi 500 gradini della Domtoren che con i suoi 112 metri di altezza è il più alto e grosso campanile dei Paesi Bassi; dalla sua cima si gode uno spettacolare panorama. I sotterranei del Duomo e diversi reperti archeologici possono essere scoperti grazie alla visita guidata DOMunder in cui si spiega anche la storia della città a partire dalla sua origine.

Inoltre è molto bello passeggiare nella zona centrale con gli antichi ed eleganti edifici che si specchiano sui pittoreschi canali Nieuwegracht e Oudegracht. In estate i numerosi ristoranti e pub allestiscono i dehor sugli argini terrazzati a bordo dei canali.

Il sabato è d’obbligo un giro in uno dei Bloemenmarkt, il mercato dei fiori, semenze e bulbi, che si tengono in città dalle 8 alle 17. Uno si svolge in Janskerkhof e l’altro in Oudegracht.

Percorso di visita in 5 città olandesi
Uno dei locali al livello del canale Oudegracht

Tra i musei segnalo il Centraal Museum ove sono esposte varie opere d’arte dal Medioevo fino ai giorni nostri. C’è anche una selezione di dipinti del periodo della Gouden Eeuw (il Secolo d’Oro olandese).

C’è poi il Museum Speelklok in cui sono esposti numerosi carillon, orologi e vari strumenti musicali . Per i bambini è indicato il Museum Nijntje dedicato alla coniglietta Nijntje (nota anche con il nome Miffy) che appare nei libri illustrati dall’artista olandese Dick Bruna. Infine c’è il Spoorwegmuseum, un museo ferroviario recentemente ammodernato in cui non solo si possono vedere numerosi treni, carrozze e locomotive ma si comprende come la ferrovia abbia dato impulso allo sviluppo dell’umanità.

Utrecht merita un paio di giornate di visita ma anche in una sola giornata si riesce ad apprezzarne la bellezza magari rinunciando ai musei. 

Dalla stazione Utrecht Centraal, la più grande dei Paesi Bassi, si raggiunge quella dell’ultima città inclusa nell’itinerario: Maastricht. Con un Intercity diretto occorrono poco meno di 2 ore per arrivare a destinazione. Scegliendo invece una soluzione di viaggio con 1 cambio i tempi sono leggermente più lunghi. Il prezzo di un biglietto per un adulto in seconda classe con Intercity diretto è di euro 27,60 (sola andata).


Ufficio turistico di Utrecht

L’ufficio VVV Utrecht è situato in Domplein 9 (Piazza del Duomo), 3512 JC Utrecht: https://www.discover-utrecht.com/ . E’ aperto tutti i giorni dalle 10 alle 17.

Maastricht

Ed eccoci arrivati a Maastricht, ultima tappa di questo itinerario tra cinque città olandesi. La bella Maastricht, attraversata dal fiume Maas (Mosa) è una città molto vivace sia perché sede universitaria ma anche dal punto di vista culturale.

Per scoprirne ogni dettaglio ed organizzare al meglio la visita vi rimando direttamente all’articolo che avevo scritto tempo fa https://giringiro.eu/2020/05/maastricht-visita-alla-citta-piu-antica-dei-paesi-bassi/

Un paio di giorni sarebbero da dedicare a questa città del sud dei Paesi Bassi.

Per ritornare a Schiphol da Maastricht, la soluzione di viaggio migliore è scegliere l’Intercity diretto che in due ore e mezza di viaggio arriva alla stazione sotterranea dell’aeroporto di Amsterdam. Questo Intercity effettua 8 fermate, il prezzo del biglietto intero è di euro 29,40 (1 adulto, seconda classe, sola andata).

Ci sono comunque altre soluzioni con uno o più cambi ma i tempi di viaggio ed i costi sono maggiori.


Ufficio turistico di Maastricht

Il VVV Maastricht è situato in Kleine Staat 1, 6211 ED Maastricht. E’ una via di mezzo tra uno sportello turistico ed un negozio di souvenir. Il lunedi è chiuso, dal martedi al sabato è aperto dalle 10 alle 16, la domenica fa un orario ridotto 11-15. Sito web https://www.visitmaastricht.com/

Itinerario in auto Haarlem / Maastricht

Se voleste utilizzare l’auto propria o a noleggio, sappiate che da Haarlem a Maastricht, passando per Leiden, Delft ed Utrecht sono circa 326km complessivi. Di seguito vi riporto le distanze indicative da città a città considerando il percorso più breve:

  • Haarlem – Leiden: circa 46km
  • Leiden – Delft: circa 28km
  • Delft – Utrecht: circa 72km
  • Utrecht – Maastricht: circa 180km

Viaggiando in auto incide molto il costo elevato dei parcheggi perché nelle città turistiche olandesi è raro trovare parcheggi gratuiti, inoltre nelle zone a ridosso del centro è spesso necessario possedere un permesso di parcheggio o si può lasciare l’auto per un tempo molto limitato (1 o 2 ore al massimo). A Leiden ad esempio la zona più cara costa 4 euro all’ora, ad Haarlem poco oltre i 6 euro.

Suggerimenti ed annotazioni per tutte le città

  • avendo un po’ di tempo a disposizione partecipate ad un tour su un battello per ammirare le varie città da una prospettiva diversa e comprendere meglio il rapporto tra gli olandesi e la loro terra e le acque. Dal canale si possono scorgere angoli nascosti e scorci pittoreschi che non si notano girando a piedi. Alcune compagnie di navigazione effettuano anche tour in lingua italiana o comunque permettono di avere l’audio nella nostra lingua.
  • gli uffici del turismo spesso organizzano visite guidate a piedi con guide esperte o locals per scoprire la città come un suo abitante
  • presso i vari uffici del turismo potete reperire le mappe delle città (spesso sono a pagamento, siamo nei Paesi Bassi), informazioni su hotel e ristoranti, tour e brochure su eventi, mostre, concerti, spettacoli … ecc.
  • Importante: i prezzi dei biglietti ferroviari si riferiscono all’anno 2024 quando è stato scritto l’articolo. Per conoscere i prezzi aggiornati consiglio di consultare il sito delle ferrovie olandesi NS che è indicato qui sotto. Anche i dettagli dei treni (destinazioni finali, cambi … ecc.) andrebbero ricontrollati sullo stesso sito perché potrebbero essere cambiati nel frattempo.

Link utili

  • sito Ferrovie Olandesi (NS), è bilingue olandese/inglese: https://www.ns.nl/en
  • sito per programmare spostamenti da una città all’altra o entro la stessa città, è bilingue olandese/inglese: 9292.nl

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui tuoi canali social ed usa l’hashtag #giringiroblog oppure taggami con @giringiroblog. Vuoi invece lasciare una tua opinione, un suggerimento o chiedere qualche informazione supplementare? Scrivimi tramite l’apposito modulo dei commenti a fondo pagina. Grazie

2 commenti su “Non solo Amsterdam: 5 città olandesi da visitare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *