Vai al contenuto

Giornate FAI d’autunno 2022 in provincia di Alessandria

Tornano il 15/16 ottobre le Giornate FAI d’autunno in provincia di Alessandria come in tutta Italia. La tradizionale festa autunnale del FAI anche quest’anno permetterà ad un folto pubblico di visitare oltre 700 beni sparsi in quasi tutto il territorio italiano. Sono 350 le città coinvolte in questa iniziativa per scoprire le #bellezze del territorio italiano.

Vediamo insieme quali beni FAI saranno aperti il 15 e 16 ottobre in provincia di Alessandria. Come era già successo negli anni passati, le visite ad alcuni di questi beni saranno riservate esclusivamente agli associati del Fondo Ambiente Italiano. Inoltre, alcuni luoghi saranno aperti solo in una delle due giornate.

E’ bene controllare tutte le informazioni di visita sulle rispettive schede di ciascun luogo direttamente sul sito FAI nel caso in cui vengano apportate modifiche o cancellazioni da oggi al prossimo fine settimana.

Cosa vedere nell’Alessandrino durante le Giornate FAI d’autunno

In provincia di Alessandria saranno 24 i beni del FAI visitabili sabato 15 e domenica 16 ottobre 2022, suddivisi in 16 diverse località:

Alessandria

  • Chiesa di San Giacomo della Vittoria la cui costruzione iniziò nel 1392. La chiesa deve il suo nome “della Vittoria” alla vittoria dell’esercito alessandrino contro i francesi e venne eretta subito dopo questa epica battaglia. Gli alessandrini e le truppe viscontee, agli ordini del condottiero Jacopo Dal Verme, sconfissero l’esercito francese condotto da Giovanni III d’Armagnac che aveva assalito Alessandria. La facciata presenta motivi rinascuimentali, molto bello il suo interno. Per questo luogo non è richiesta la prenotazione. Si potrà visitare sia sabato che domenica dalle 10 alle 18.
  • Ospedale dei SS. Antonio e Biagio: si visiteranno la Quadreria, il Museo Craniologico, il mezzanino della Chiesa di Sant’Antonio nella giornata di domenica dalle 10 alle 18. L’ingresso è dedicato agli associati FAI ma, in caso di sovraffollamento, le visite potrebbero essere interrotte.
  • Casa del Mutilato: situato in Corso T. Borsalino al civico 6, questo edificio è un bell’esempio di arte razionalista. E’ visitabile sia sabato che domenica dalle 10 alle 17:30, non è richiesta la prenotazione online.
  • Cittadella di Alessandria: il complesso fortificato della cittadella con la sua piazza d’armi interna (la più vasta d’Europa) è visitabile sia il sabato che la domenica dalle 10:00 – 12:30 / 14:00 – 17:30. Non è richiesta la prenotazione.

Cassine

A Cassine sono 2 i beni FAI aperti al pubblico: la splendida Chiesa medievale di San Francesco ed il relativo museo. La Chiesa di San Francesco in stile romanico-gotico sarà visitabile su prenotazione sia sabato che domenica dalle 10 alle 12 e dalle 14 alle 17:30. Le prenotazioni possono essere effetuate sul sito FAI.

Il Museo d’arte sacra di San Francesco è ospitato nell’ex complesso conventuale, gli orari e le modalità di visita sono gli stessi della chiesa.

Chiesa S. Pancrazio Silvano
Daisy presso la chiesetta di San Pancrazio a Silvano d’Orba

Castellazzo Bormida

A Castellazzo si potrà visitare la Chiesa della SS. Trinità da Lungi, piccola e graziosa chiesa campestre in stile romanico piemontese. Non è necessaria la prenotazione online, gli orari di visita sono dalle 10 alle 17 sia sabato che domenica.

Lerma

Qui si potrà visitare il ricetto medievale racchiuso entro l’antica cinta muraria e raccolto vicino al castello. Sono previste due visite guidate la domenica mattina (10:30 e 11:30) mentre nel pomeriggio si effettueranno tre visite guidate (14:30, 15:30, 16:30). La prenotazione non è obbligatoria. A circa 4km di distanza si trova il paese di Mornese in cui è possibile visitare altri beni (ved. sotto).

Masio

  • La Torre medievale: piccolo museo all’interno che racconta la storia di questa ed altre torri simili nel territorio. Si visita solo dietro prenotazione sia sabato che domenica dalle 10 alle 12:30 e dalle 14 alle 17:30.
  • Il Castello di Redabue: eretto nel XIII secolo, vi si combatterono aspre battaglie. E’ visitabile solo la domenica su prenotazione dalle 10:00 – 12:30 / 14:00 – 17:30.

Morano sul Po

A Morano si potrà visitare la Grangia di Pobietto, una grande tenuta agricola risalente alla fine del XII secolo e che appartenne all’Abbazia cistercense di Lucedio. Le visite, solo su prenotazione, si effettueranno il sabato e la domenica dalle 15 alle 19.

Mornese

Le visite per le Giornate FAI d’autunno 2022 sono incentrate sulla figura della Santa locale: Santa Maria Mazzarello. Si potranno vedere la Chiesa, alcune aree del collegio. Il bene sarà aperto domenica dalle 14 alle 17:30, non è richiesta la prenotazione. Gli associati FAI potranno invece prenotare la visita al nucleo medievale dei Benefizi, frazione di Mornese.

A circa 4km di distanza si trova il paese di Lerma in cui è possibile visitare il borgo medievale (ved. sopra).

Castello di Tagliolo Monf.
Il bel Castello di Tagliolo Monferrato in una foto autunnale

Novi Ligure

Tenuta la Marchesa: questa antica tenuta di campagna è inserita nell’elenco delle Dimore Storiche Italiane, la villa padronale risale al XVIII secolo. Un bel giardino all’italiana, vigneti, frutteti, un laghetto ed una limonaia completano questo complesso posto sulle colline tra Novi e Gavi. Non è richiesta la prenotazione, la tenuta è visitabile il sabato dalle 14:30 alle 18:30 e la domenica dalle 10:30 alle 18:30. A pochi km di distanza si trova Pasturana dove è possibile visitare il castello (ved. sotto).

Ovada

Si visiteranno il Palazzo Spinola e la vicina Chiesa Santa Maria delle Grazie in Piazza San Domenico. E’ richiesta la prenotazione, gli orari di visita sono dalle 15 alle 18 il sabato e dalle 11:00 – 12:30 / 15:00 – 18:00 la domenica.

Ulteriore spunto di visita in città, al di fuori della giornata FAI: avendo del tempo a disposizione, vi consiglio di effettuare un giro presso il piccolo ma significativo museo paleontologico Maini in Via Sant’Antonio 17 ad Ovada. Gli operatori della cooperativa che lo gestisce vi racconteranno la storia di questo territorio in epoche remote attraverso i ritrovamenti fossili perchè qui “C’era una volta il mare”. Il museo Maini è aperto tutto l’anno: il sabato dalle 15 alle 18 e la domenica dalle 10 alle 12. Dal 1 ottobre al 31 maggio è aperto anche la domenica pomeriggio dalle  15 alle 18. Aperture e visite guidate su prenotazione (tel. 0143-822815 – Associazione Calappilia cell. 340-2748989).

Pasturana

Sabato e domenica si visiterà il Castello di Pasturana posto su un naturale terrazzamento, è una dimora privata che viene aperta al pubblico in questa occasione. Nel 1657 Filippo Spinola acquistò nuimerosi terreni e la costruzione del castello risale a quel periodo. Le visite si svolgeranno sabato (14:30 – 18:30) e domenica 10:30 -18:30; non è richiesta la prenotazione. A pochi km di distanza si trova Novi Ligure dove è possibile visitare la Tenuta La Marchesa (ved. sopra).

Due curiosità non incluse nella visita e che vi porteranno via poco tempo. In paese c’è la scalinata detta “U sè”, luogo della battaglia napoleonica del 1799. Pasturana fu teatro della feroce “battaglia di Novi” che vide affrontarsi i francesi, comandati inizialmente dal generale Barthélemy Joubert e poi dal generale Jean Victor Moreau, contro l’esercito austro-russo. Poco fuori dall’abitato si trova invece l’antica Pieve di San Martino che si erge in mezzo alla campagna vicino alla provinciale SP156 che da Pasturana porta a Novi Ligure. In estate la pieve è ancora più appariscente, spesso circondata da campi di girasoli. Venne consacrata a S. Martino, vescovo di Tours, ed eretta in epoca longobarda.

Pontecurone

Luoghi Orionini: un itinerario tra tutti i luoghi dove il Santo Don Luigi Orione è nato, dove fu battezzato, dove ha pregato e da dove è partito per diffondere il messaggio della Divina Provvidenza nel mondo. E’ necessaria la prenotazione.

Calappilia Mainii: granchio fossile
La Calappilia Mainii: un interessante granchio fossile rinvenuto sulle alture dell’ovadese

Rivarone

L’accesso è riservato ai soli soci FAI ed è strettamente collegato al vicino fiume Tanaro: si potrà effettuare un giro in canoa, passeggiare lungo le sue rive e visitare la Chiesa della Natività di Maria del XVI secolo. Non è richiesta la prenotazione

Sezzadio

Chiesa di Santo Stefano, conosciuta anche come Santa Maria di Banno: antichissima chiesa cimiteriale di Sezzadio risalente al XII secolo. Buona parte degli affreschi risale al periodo tra il 1469 ed il 1483, come ad esempio quello in cui è raffigurato Sant’Antonio abate con sant’Apollonia. Non è richiesta la prenotazione, la chiesa sarà visitabile sia il sabato che la domenica dalle 10 alle 18.

Silvano d’Orba

Chiesa di San Pancrazio: oltre alla visita alla chiesa posta sulla cima di un colle, i volontari FAI vi accompagneranno in una passeggiata storico-naturalistica a Silvano d’Orba e dintorni. Il punto di ritrovo, partenza e arrivo è presso il Palazzo Comunale di Silvano d’Orba. Il sabato il ritrovo è fissato alle ore 14:15, la domenica alle ore 9:15. Nelle due giornate si effettuano solo queste due uscite. La lunghezza del percorso è di circa 5 km, sono presenti alcune salite, si consiglia di indossare scarpe da trekking. E’ necessario comunicare l’adesione alla camminata scrivendo a settecastelli@gruppofai.fondoambiente.it

Spigno Monferrato

Circuito delle chiese storiche: Parrocchiale di S. Ambrogio, Oratorio della Santissima Annunziata. Si visiterà anche il ponte medievale. Non è richiesta la prenotazione, le visite si effettueranno sabato e domenica dalle 10 alle 18.

Tagliolo Monferrato

Visita al bel Castello dei Marchesi Pinelli Gentile la cui parte più antica risale all’anno mille. Si visiteranno inoltre il giardino interno, la Bigattiera (anticamente occupata dai “bigat” ossia i bachi da seta), le sue storiche cantine e l’antico borgo (ricetto). Le visite, a cura dei volontari del gruppo FAI di Ovada, si effettueranno sabato (09:30 – 13:00 / 15:00 – 18:30) e domenica (09:30 – 12:30 / 14:00 – 18:00). E’ richiesta la prenotazione online.


Le proposte delle Giornate FAI d’autunno in provincia di Alessandria sono molteplici ed anche variegate (dalla visita al castello fino alla passeggiata naturalistica) per offrire una gradevole panoramica dei beni meno noti e spesso chiusi al pubblico perché privati.

Queste giornate sono a mio avviso un buon modo per avvicinarsi all’arte, alla cultura, alle tradizioni di un territorio. Spero che possiate trovare spunti in questo elenco di luoghi da visitare nella nostra zona per trascorrere un fine settimana alla scoperta di piccoli ed incredibili tesori e magari (ri)scoprire questo lembo di basso Piemonte.

Importante

Per prenotare ed avere maggiori dettagli sulle visite effettuabili nelle gionate di sabato e domenica in provincia di Alessandria vi invito a visitare il sito ufficiale FAI dedicato alle Giornate FAI d’autunno 2022: https://bit.ly/3RQjkxD

Link utili

Cos’altro fare e/o vedere in Alto Monferrato in un weekend?

L’Alto Monferrato è la parte più a sud della provincia di Alessandria, quella compresa tra le città di Acqui Terme, Ovada e Gavi Ligure. La presenza della parola “ligure” non deve trarre in inganno perchè il paese è in Piemonte.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO


Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui tuoi canali social ed usa l’hashtag #giringiroblog. Vuoi invece lasciare una tua opinione, un suggerimento o chiedere qualche informazione supplementare? Scrivimi tramite l’apposito modulo dei commenti qui sotto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Il materiale qui contenuto è protetto dal diritto di autore - © Copyright GIRINGIRO