I celiaci possono gustarsi una buona birra senza glutine all’Oktoberfest di München in Germania? Quella che è riconosciuta come la più famosa festa della birra nel mondo offre opzioni per chi soffre di celiachia?

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

La fiera Oktoberfest che si svolge annualmente a Monaco di Baviera nel sud est della Germania non offre purtroppo opzioni per chi è affetto da celiachia. Nonostante attiri un numero considerevole di visitatori da tutto il mondo, qui non ci sono bancarelle con alimenti o birre senza glutine.

La spiegazione è abbastanza semplice. L’Oktoberfest ha un regolamento secondo il quale è possibile bere e servire solo birra prodotta secondo il Reinheitsgebot, ossia l’Editto della Purezza.

Questo editto, promulgato nel 1485, stabiliva che niente altro tranne orzo, luppolo ed acqua, doveva essere aggiunto nella produzione della birra oppure usato al posto di questi ingredienti. Le pene previste nell’Editto erano anche piuttosto severe. Le birre senza glutine, non rispettando quindi quanto sancito in questo editto, sono bandite dall’Oktoberfest.

Si può trovare qualche alimento o pietanza naturalmente senza glutine ma il rischio contaminazione nelle caotiche cucine dell’Oktoberfest è da mettere in conto.

Foto di holzijue da Pixabay

Tuttavia, nella cittadina di Aschheim che dista circa 14km da München (una mezzora abbondante in auto), si svolge ogni due anni una versione senza glutine e più piccola rispetto a quella tradizionale. Il 2019 è l’anno giusto per partecipare alla Glutenfreies Oktoberfest di Aschheim.

Sabato 21 settembre 2019 si svolgerà la Glutenfreies Oktoberfest nel Feststadl (padiglione delle feste) di questa cittadina posta a nord-est della capitale bavarese.

Rispetto alla festa tradizionale, anche la durata della Glutenfreies Oktoberfest è differente. Purtroppo dura solo una giornata.

L’organizzazione dell’evento è affidata al gruppo di mutuo aiuto Zöliakie Selbsthilfegruppe München/Südbayern in collaborazione con la DGZ che è l’Associazione Tedesca Celiachia.

L’edizione 2019 è la decima di questa manifestazione che, nel corso degli anni, ha attirato un numero sempre maggiore di visitatori, complice anche il fatto che le informazioni viaggiano più veloci grazie ai social network.

Inoltre, spesso le associazioni europee di celiaci organizzano pullman per portare i propri associati a questo singolare evento.

 

Il programma dettagliato della manifestazione può essere scaricato dal sito DGZ. Oltre che gustare prelibatezze tipiche bavaresi con varie tipologie di birre (anche alla spina) senza glutine, si potrà partecipare ad incontri sulla celiachia ed ottenere informazioni da personale dell’associazione, girovagare tra le bancarelle di un piccolo mercatino di prodotti industriali senza glutine con possibilità di effettuare degustazioni o ricevere campionature, ascoltare e ballare a ritmo di musiche tradizionali, partecipare alla lotteria. Nel 2017 avevano partecipato alcuni noti marchi del settore gluten free europeo tra gli espositori.

Ci sono anche attività specifiche per i bambini.

Non è infrequente vedere alcuni espositori e persone del pubblico indossare abiti tipici bavaresi per creare un po’ di folclore. All’ingresso, dopo aver presentato il modulo di iscrizione, la ricevuta di pagamento e la conferma, si riceve un distintivo. Qui è possibile acquistare i coupon per le varie consumazioni a pagamento.

Per tutta la giornata la cucina interna prepara gustose pietanze tipiche bavaresi ma in versione senza glutine. Si possono gustare dei canederli di pane con carne di maiale arrostita, bocconcini di pollo con patatine fritte, il Leberkäse (tipico insaccato bavarese) con il Brezel il tipico pane dalla forma di anello con le estremità arrotolate, l’insalata di patate, wurstel e salsicce ma anche alcuni dessert. Il tutto può essere innaffiato con della buona birra senza glutine.

Alle ore 11:00 il Feststadl apre le sue porte ai visitatori e alle ore 12, in contemporanea con l’Oktoberfest di München, viene spillata la prima birra al tradizionale grido “O’zapft is” dando così inizio all’evento vero e proprio. Gli organizzatori hanno stimato che saranno circa 600 i visitatori che si recheranno alla Glutenfreies Oktoberfest quest’anno.

L’evento non è libero ma è solo su prenotazione. Occorre compilare un modulo sul sito DGZ, inoltrarlo online, attendere la conferma che può arrivare anche in un paio di settimane. C’è eventualmente anche una versione stampabile da inviare per email oppure fax.

Per questo motivo non si può attendere l’ultimo momento per mandare la richiesta di partecipazione ma occorre muoversi con un certo anticipo visti anche i lunghi tempi di risposta dall’organizzazione.

Le richieste sono molte ed i posti limitati, non è facile trovare posto e farsi accettare la domanda di partecipazione.

Per accedere alla festa occorre pagare un biglietto di ingresso solo dopo aver ricevuto la conferma da parte dell’organizzazione:
– 10 euro per adulti e ragazzi sopra i 15 anni
– ingresso gratuito per bambini ed adolescenti fino a 14 anni inclusi

L’indirizzo del Feststadl è Eichendorffstrasse 10, 85609 Aschheim. Oltre che in auto, il padiglione può essere comodamente raggiunto con mezzi pubblici dalla città di Monaco di Baviera.

La Glutenfreies Oktoberfest è ormai un evento collaudato ed ha riscosso negli anni un buon successo, è comunque per pochi e non per tutti essendo obbligatoria la preiscrizione. Più che paragonarla all’Oktoberfest tradizionale, è equiparabile ad una sorta di fiera sul tema della celiachia.

Prost!

P.S.: se vi foste persi l’edizione 2019, tenetevi pronti per la prossima che si terrà a settembre 2021 (data ancora da definire).

Link utili:

Importante: la foto di copertina non è mia, è di proprietà di MoreLight da Pixabay [Licenza Libera per usi commerciali, Attribuzione non richiesta]

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

Scritto da 

Sono una viaggiatrice "slow", mi è sempre piaciuto esserlo. Mi piace molto organizzare da sola il viaggio e poi lungo il percorso effettuare delle deviazioni fuori programma, finendo inevitabilmente con l'allungare il tragitto. Per me viaggiare non è ricercare la meta esotica ma è conoscere, imparare, scoprire emozioni, fotografare anche solo con la mente. Per questo penso che "la destinazione non sia così importante quanto il viaggio". Echt genieten!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *