RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

La Schönberg Alm nel 2011 (sullo sfondo la cima Schönberg con la croce)

AGGIORNAMENTO DEL 22/06/2018: nella notte fra il 21 ed il 22 giugno 2018 un fulmine ha purtroppo colpito la Schönberg Alm e, nel devastante incendio che è scaturito, la malga è andata completamente distrutta. Le foto ed il racconto che seguono si riferiscono ad una mia escursione del 2011. Auguro vivamente ai proprietari della Schönberg Alm di riuscire a ricostruirla più bella di prima anche perchè questo posto mi è rimasto nel cuore.

AGGIORNAMENTO DEL 28/03/2019: Andreas e Raffaela, grazie anche alla solidarietá della comunitá locale, stanno ricostruendo la malga e molto probabilmente verrá riaperta da maggio 2019. Potete seguire i vari aggiornamenti sulla pagina FB https://www.facebook.com/schiepa/

IL 27 APRILE 2019 la nuova Malga Schönberg ha riaperto i battenti, hip hip urrà!!!!

Partenza: Rio Bianco (1.334m slm)
Tappe intermedie: /
Arrivo: Malga Schönberg (1.792m slm)
Lunghezza percorso: circa 7,5km
Dislivello: 458m (altitudine cumulativa fino alla malga e ritorno)
Tempo percorrenza: andata: circa 90 minuti, ritorno: circa 70 minuti
Difficoltá: F + EE : sentiero facile e turistico fino alla Malga Schönberg; proseguendo fino alla omonima vetta (2.273m slm) il percorso diventa per Escursionisti Esperti
Segnavia: Segnavia: 5A -5
Carta/mappa: carta topografica per escursionisti della casa editrice Tabacco, scala 1:25.000, foglio 035 “Valle Aurina e Vedrette di Ries”
Varie: La malga è aperta da metà maggio a metà ottobre circa. L’andata ed il ritorno si svolgono sullo stesso percorso. Il sentiero escursionistico è di facile/media difficoltà ma richiede un minimo di allenamento. In ogni caso occorrono abbigliamento e calzature adeguati alle escursioni in montagna. Fondamentale anche verificare le condizioni meteo sia prima di partire che nell’arco della giornata.

Prima escursione della vacanza di Luglio 2011 in Valle Aurina in Trentino Alto Adige.

Optiamo per una camminata facile, cielo sereno, aria frescolina di prima mattina, durante la giornata però la temperatura sale fin quasi a sfiorare i 30°C. Rio Bianco è una piccola e graziosa frazione a pochi chilometri da Lutago (Bz), si trova in una amena vallata laterale della Valle Aurina in Trentino Alto Adige.

Occorre lasciare l’auto nel parcheggio vicino alla chiesa Parrocchiale di San Giacomo e seguire i cartelli che conducono alla malga (circa 1,5 ore di cammino in salita, mai faticoso, seguire prima segnavia n° 5A poi diventa 5), la prima parte del percorso è asfaltata poi, all’altezza della casa vacanze Bruneggerhof, diventa sterrato e, tramite una strada bianca, si addentra nel bosco con qualche tornante, purtroppo ogni tanto passa qualche veicolo diretto alle malghe della zona e si alza un po’ di polvere.

Il cammino è piacevole e , con una giornata così splendida, si rimane colpiti dal’azzurro intenso del cielo e il verde smeraldo della vegetazione, a tutto fanno da sfondo delle cime spettacolari.

La Schönberg Alm sorge a 1.792m su un pascolo; invece, per i più allenati, la strada sterrata prosegue ancora per un chilometro circa poi si perde in un pianoro erboso dal quale si gode un bel panorama. In prossimità di una baita in legno si diparte un sentiero (5), a tratti anche piuttosto ripido, che sale fino in cima alla montagna sovrastata da una croce, si tratta del Montebello/Schönberg di 2.273mt. Verso la cima, in alcuni punti sono previste delle corde fisse di sostegno. E’ quindi necessaria una certa preparazione per affrontare questa seconda parte!

Un tipico maso lungo il sentiero che conduce alla Schönbergalm
I piatti tipici che si possono trovare alla Malga sono il tagliere misto con salumi, il piatto di speck, il formaggio Graukase, i canederli in brodo o asciutti, la birra weiser oppure succhi di sambuco, mela e mirtillo, oltre a grappe di produzione locale e altre prelibatezze. Nell’ampio prato sottostante alla malga si può prendere il sole oppure semplicemente rilassarsi mentre, poco lontano, alcune mucche si abbeverano fra lo scampanellio dei campanacci.

La camminata da Rio Bianco fino alla Schönberg Alm è decisamente tranquilla e consigliata per una prima presa di contatto con la valle, è un’escursione indicata per persone con poco allenamento e alle famiglie con bambini. Invece, la parte successiva che conduce alla cima Schönberg è adatta a escursionisti esperti!

Scendiamo a valle per stesso percorso dell’andata. Nel primo pomeriggio si avvicinano alcune nuvole, giusto il tempo di salire in auto e poi qualche scroscio di pioggia scende per alcuni minuti.

Ho chiesto a uno dei proprietari della malga se in inverno fosse aperta e, con l’accento marcatamente Tirolese, mi ha risposto che “in inverno si gode la vita a Maiorca” ……… beato lui!

Panorama con vista sulle Vedrette di Ries dal pianoro al di sopra della Schönberg Alm

 

Una curiosa girandola alla Schönbergalm

Vista la facilità con cui può essere raggiunta, penso che in piena stagione vi sia molta gente. Quando ci siamo stati, in un giorno infrassettimanale di inizio Luglio, mi è sembrata un’oasi piacevole e tranquilla anche perchè c’era solo un gruppo di quattro persone oltre a noi due.

Per i celiaci:

alla Schönberg Alm a volte hanno pane senza glutine (occorre chiedere ai proprietari).

Come raggiungere Lutago in treno:

fermata alla Stazione di Brunico posta sulla linea ferroviaria da Fortezza a San Candido in Val Pusteria. Brunico dista poco meno di 20km da Lutago il primo paese della Valle Aurina che può essere raggiunto tramite un comodo servizio di bus che serve anche gli altri paesi della vallata tramite la SS621. Il servizio di bus la Domenica ha orari alquanto ridotti, mentre, in settimana, passa più frequentemente (è bene consultare gli orari sul sito della SII http://www.sii.bz.it, la società che gestisce il servizio di trasporto).

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

Scritto da 

Sono una viaggiatrice "slow", mi è sempre piaciuto esserlo. Mi piace molto organizzare da sola il viaggio e poi lungo il percorso effettuare delle deviazioni fuori programma, finendo inevitabilmente con l'allungare il tragitto. Per me viaggiare non è ricercare la meta esotica ma è conoscere, imparare, scoprire emozioni, fotografare anche solo con la mente. Per questo penso che "la destinazione non sia così importante quanto il viaggio". Echt genieten!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *