Vai al contenuto
Sei in Home » Idee per viaggiare » Space Expo: il museo “spaziale” a Noordwijk nei Paesi Bassi

Space Expo: il museo “spaziale” a Noordwijk nei Paesi Bassi

Il museo Space Expo dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) a Noordwijk nei Paesi Bassi é un’interessante attrazione da vedere sia per gli adulti che, soprattutto, per i bambini.

Merita sicuramente di essere preso in considerazione quando si organizza una vacanza nella provincia dello Zuid-Holland nei Paesi Bassi.

Inizialmente, per questo post, avevo pensato anche al sottotitolo “astronauta per un giorno”. In effetti allo Space Expo i bambini possono quasi coronare questo sogno perché, alla fine della visita, ai minori di 12 anni viene rilasciato un simpatico diploma da astronauta!

A Noordwijk, sulla strada Zwarteweg che conduce a Katwijk, si trova il vasto complesso dell’European Space Agency o ESA che arriva fino a lambire le belle dune che proteggono i Paesi Bassi dal Mare del Nord.

L’Agenzia Spaziale Europea, creata nel 1975 per volere di 10 stati membri europei, inclusa l’Italia, ha diverse sedi ed uffici sparsi in Europa. Per esempio il quartier generale è situato a Parigi, c’è poi un centro di controllo delle missioni spaziali a Darmstadt in Germania ed uno che si occupa di osservazione terrestre a Frascati in Italia. Nei Paesi Bassi c’è invece il centro che si occupa della ricerca e dello sviluppo di tecnologie spaziali. Il nome di questa facility è ESTEC, acronimo di European Space Research and Technology Centre.

La missione di Estec è scoprire cosa succede nello spazio profondo tramite la partecipazione a programmi quali la costruzione della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) o di portare a compimento altre spedizioni di carattere scientifico. Inoltre si occupa della costruzione ed il lancio di sonde e satelliti per effettuare ricerche su pianeti lontani e altri corpi celesti oppure studiare più accuratamente il nostro pianeta ed alcuni fenomeni come ad esempio lo scioglimento dei ghiacci, le maree e molti altri.

Andrea ha iniziato a lavorare in Estec nel 2007 e nel corso degli anni ha partecipato a diversi programmi come la realizzazione delle sonde Rosetta e BepiColombo, il satellite Goce. Adesso (2020) si sta occupando dell’ambizioso e difficile progetto ExoMars II che porterà il primo rover europeo ad esplorare la superficie di Marte, il pianeta rosso di numerosi film di fantascienza. Questo piccolo veicolo spaziale effettuerà ricerche ed esperimenti vari su Marte facendo un po’ di concorrenza ai ben più famosi rover della Nasa come Opportunity (2004), Curiosity (2012) e Perseverance (2021).

Le difficoltà nel portare avanti questo programma sono molte viste anche le insidie di Marte. Il lancio avrebbe dovuto essere effettuato nel 2020 ma, nei mesi scorsi è stato rinviato, all’autunno 2022 dalla base spaziale di Baıqońyr (Baikonur) in Kazakistan.

Aggiornamento di aprile 2022: dopo vari rinvii della campagna di lancio a causa della guerra Russia/Ucraina, il progetto ExoMars II è stato sospeso fino a data da destinarsi. Andrea così è stato spostato su Ariel, acronimo di Atmospheric Remote-sensing Infrared Exoplanet, una sorta di telescopio che studierà di cosa sono fatti gli esopianeti (quelli oltre il sistema solare), come si sono formati e come si evolvono. Il lancio è previsto nel 2029

Estec, Noordwijk
L’ingresso alla palazzina principale Esa/Estec di Noordwijk

Space Expo di Noordwijk: cos’è

Poco fuori dall’ingresso dell’Estec c’è lo Space Expo, un museo/mostra permanente sulle attività spaziali che si estende su una superficie di circa 600 metri quadrati.

Il centro è stato aperto nel 1990 e da allora oltre 1 milione di persone lo hanno visitato. Fra questi la Regina Beatrice dei Paesi Bassi ma anche numerosi capi di stato e ministri europei. L’ultimo Presidente della Repubblica italiana che ha visitato l’Estec è stato Giorgio Napolitano nel 2012.

Allo Space Expo si comprende cosa sia l’universo, come si possa vivere e lavorare nello spazio in assenza di gravità, si viaggia attraverso la Via Lattea, si scopre il mondo dei satelliti tramite dei modelli e si partecipa alla simulazione del lancio di un razzo. Gli esperimenti e le attività da effettuare sono molteplici ed aiutano ad approfondire le conoscenze sullo spazio in generale e sulle missioni dirette verso lo spazio profondo.

E’ un centro studiato per bambini e ragazzini ma la visita può risultare interessante anche agli adulti, soprattutto quelli che non smettono di sognare e di meravigliarsi. Non ci sono limiti di età per i bambini ma lo Space Expo consiglia la visita a quelli di almeno 4 anni d’età. Lo Space Expo é un luogo ove mi piace portare gli amici che vengono a trovarci perché ne rimangono sempre tutti affascinati.

ESA: veicolo guida autonoma
Il veicolo elettrico a guida autonoma Orbiter viene testato nei viali interni dell’Estec di Noordwijk

Cosa si può vedere nello Space Expo?

Il museo Space Expo è visitabile in autonomia, alla cassa sono previste anche delle audioguide. Una buona parte del museo è dedicata alla ISS, la Stazione Spaziale Internazionale lanciata nel 1998. E’ possibile visitare la ricostruzione del modulo Europeo Columbus e di quello russo Zvedza. Questi modelli aiutano a capire come sia possibile vivere in spazi così angusti in assenza di gravità e come vengono effettuati gli esperimenti scientifici dagli astronauti.

Ogni ora i visitatori possono assistere all’eccitante simulazione del lancio di un razzo che si basa sul lancio reale di un Ariane dalla base di Kourou nella Guyana Francese. La sequenza di lancio viene proiettata nella stanza ed il rumore crescente del razzo rende la situazione ancora più realistica.

Un’altra parte dello Space Expo è dedicata allo sbarco sulla luna e si può visitare una copia del modulo lunare utilizzato da Buzz Aldrin e Neil Armstrong che furono i primi umani a camminare sulla luna il 21 luglio 1969.

La perla del museo è però la navicella Soyuz TMA-03M originale con la quale ha viaggiato l’astronauta olandese André Kuipers di rientro dalla stazione spaziale ISS verso la terra. Kuipers è un eroe nazionale nei Paesi Bassi.

Inoltre vi è la possibilità di avere informazioni sui progetti che sta sviluppando l’Agenzia Spaziale Europea, testare e approfondire le proprie conoscenze sullo spazio rispondendo a dei quiz oppure effettuare alcuni piccoli esperimenti. Per esempio si può vedere come varia il peso del nostro corpo a seconda del pianeta sul quale ci si trova. Insomma, allo Space Expo di Noordwijk non ci si annoia affatto.

Visite guidate in Estec ed allo Space Expo

Nei fine settimana e durante le festività scolastiche olandesi è possibile effettuare escursioni guidate all’interno dell’Estec tramite lo Space Train e visitare alcuni dei siti in cui si studiano e sviluppano i satelliti. All’ingresso della facility Estec viene dato un badge ad ogni visitore e poi si entra nella struttura con il trenino. All’Estec non è possibile girare autonomamente. La visita guidata dentro all’Estec integra e completa l’esperienza nel museo Space Expo. Il mio consiglio è di effettuarle entrambe se possibile anche se è necessario capire una delle quattro lingue straniere parlate dalle guide.

I tour guidati sono disponibili nelle seguenti lingue: olandese, francese, inglese e tedesco. Il giro con lo Space Train dura circa un’ora ed ha un costo supplementare rispetto al biglietto del museo Space Expo.

I posti sono limitati: nell’arco della giornata si svolgono pochi tour in Estec perché non vengono effettuati in continuazione. Occorre avere con sè un documento di identità valido per tutti i partecipanti. I bambini sotto ai 9 anni di età non possono però partecipare a questa escursione.

Entrando nella facility ESA/Estec potrebbe capitare di imbattersi in Orbiter, un veicolo elettrico a guida autonoma (in realtà al suo interno c’è sempre almeno un addetto per controllare che non si verifichino problemi) che è stato costruito da una nota società di trasporti olandesi alla quale ESA/Estec ha dato il permesso di testarlo nelle strade interne della sua facility.

Estec a Noordwijk in Olanda
Una veduta dell’Estec a Noordwijk

Visite guidate nello Space Expo

Anche allo Space Expo è possibile effettuare delle visite guidate, solo su appuntamento, che sono altamente istruttive (per prenotazioni telefonare al numero 071-3646489). Oltre che in olandese, i tour guidati dentro al museo si effettuano anche in tedesco ed inglese. Il numero massimo di partecipanti è di 25 persone per gruppo.

Open Day Estec

Come scritto in precedenza la sede Estec non è normalmente aperta al pubblico. E’ visitabile solo tramite lo Space Train oppure in occasione dell’Open Day che si svolge annualmente all’inizio del mese di ottobre, previa prenotazione online. Non é possibile accedere alla facility Estec senza la prenotazione. L’evento é gratuito e richiama sempre un certo numero di visitatori. Il mio consiglio è di prenotare non appena viene comunicata la data dell’Open Day sul sito ed i canali social dell’Estec.

Le “porte aperte all’Estec” si svolgono dalle 10 del mattino alle 17 del pomeriggio ma l’ultimo ingresso é consentito alle ore 16 perché serve circa un’ora per effettuare il percorso di visita. E’ possibile scattare fotografie a meno che il personale di sicurezza non dia istruzioni diverse.

Nel 2023 l’Open Days all’Estec si è svolto in due giornate: sabato 7 ottobre (evento dedicato alle persone con disabilità) e domenica 8 ottobre per tutti.

Durante l’Open Day Estec i cancelli dell’Agenzia Spaziale Europea sono aperti al pubblico per poter ammirare l’hardware spaziale, le aree di test ed incontrare scienziati, ingegneri ed alcuni astronauti dell’ESA.

Orari e costo biglietti ingresso dello Space Expo e Train

Il museo Space Expo di Noordwijk è aperto dal martedi alla domenica dalle 10 fino alle 17. Durante le festività scolastiche olandesi è aperto tutti i giorni della settimana dalle 9 alle 18. In rare occasioni lo Space Expo è chiuso al pubblico poiché ospita eventi privati ma le chiusure sono riportate sui canali social. Il museo Space Expo è invece sempre chiuso durante le festività nazionali (es. Koningsdag, Sinterklaas, Natale, Capodanno).

Il costo dei biglietti per l’anno 2024 per accedere al museo Space Expo è di 16 euro per gli adulti ed i bambini dai 13 anni di età. I bambini dai 4 ai 12 anni pagano 14 euro ma ricevono anche uno speciale kit che comprende alcuni piccoli esperimenti, un diploma ed una toppa da astronauta. I bambini da 0 a 3 anni entrano gratuitamente. Anche i possessori della Museumkaart, la speciale carta valida un anno che permette di visitare 450 musei olandesi, entrano gratuitamente.

L’escursione con lo Space Train dentro all’Estec non è inclusa nel costo del biglietto del museo ma occorre pagare un supplemento di 8 euro. Il biglietto comulativo 2024 che comprende ingresso al museo + ESA/Estec + giro con lo Space Train costa 24 euro (dai 13 anni in su) e 22 euro dai 9 ai 12 anni. Per poter usufruire di questa formula è necessario prenotare online perchè i posti sono limitati e c’è sempre molta richiesta.

La fascia oraria che viene stampata sul biglietto è l’orario di partenza dello Space Train. Per motivi tecnici e di gestione degli ingressi in ESA/Estec è necessario presentarsi puntuali all’orario di partenza, il treno spaziale non deve necessariamente partire in orario! Il mio consiglio è di effettuare prima il giro con il treno e, successivamente, la visita al museo.

Space Expo a Noordwijk in Olanda
La riproduzione della cupola spaziale della ISS

Indirizzo Space Expo

Space Expo
Keplerlaan 3
2201 AZ NOORDWIJK
Google maps:
Sito web multilingue (olandese-inglese-francese-tedesco): www.spaceexpo.nl
Telefono: 071-3646446

Nota: allo Space Expo è disponibile un parcheggio gratuito per auto e bici.

Come raggiungere lo Space Expo

Oltre che con l’auto propria, a noleggio o con il taxi, lo Space Expo è raggiungibile anche con il bus. Dalla stazione di Leiden Centraal occorre prendere il bus 430 o 432 della compagnia Arriva in direzione Katwijk/Esa/Estec. Il viaggio dura circa mezz’ora e la fermata è a breve distanza dall’ingresso dello Space Expo. Da Amsterdam, Schiphol, Haarlem e Den Haag consiglio di raggiungere Leiden Centraal in treno e poi spostarsi sui bus sopra indicati.

Un’altra cittadina dotata di stazione ferroviaria ed abbastanza vicina alla sede Estec é Voorhout ma da qui occorre poi cambiare due volte l’autobus ed il percorso si allunga parecchio.

In alternativa, lo Space Expo è facilmente raggiungibile in bicicletta da tutte le città della zona grazie alla fitta rete di percorsi ciclabili.

ESTEC news

L’attuale struttura principale della sede ESA di Noordwijk, quella che si vede in una foto più sopra, venne costruita tra il 1984/1989 su progetto degli architetti olandesi Aldo e Hannie van Eyck.

L’edificio presenta però molte criticità ed è ormai datato ed insufficiente ad ospitare il personale Estec che è cresciuto considerevolmente dagli anni ottanta del secolo scorso. Tra il 2023/2024 si è dato l’avvio alla costruzione di un nuovo Meeting Center di circa 5.000mq e seguirà poi un ampliamento ed ammodernamento della struttura principale fino ad arrivare a 28mila metri quadrati di superfici per ospitare laboratori ed uffici per il personale.

Il progetto della nuova struttura è dello studio italiano di design e architettura Blengini Ghirardelli.

Link utili

[Ultimo aggiornamento: 24/01/2024]

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GIRINGIRO

Ti è piaciuto l’articolo? Condividilo sui tuoi canali social ed usa l’hashtag #giringiroblog oppure taggami con @giringiroblog. Vuoi invece lasciare una tua opinione, un suggerimento o chiedere qualche informazione supplementare? Scrivimi tramite l’apposito modulo dei commenti a fondo pagina. Grazie

6 commenti su “Space Expo: il museo “spaziale” a Noordwijk nei Paesi Bassi”

  1. Luogo insolito da visitare per i miei gusti ma il tuo articolo mi ha molto incuriosito e ci andrò sicuramente se capiterò da quelle parti. Finora ho visitato solo Amsterdam nei Paesi Bassi ma mi piacerebbe tornarci e fare un giro più completo.

  2. i paesi bassi sono una delle mete che ho programmato di visitare ma dovrò attendere che si esaurisca questa storia del covid, magari il prossimo anno? speriamo!

    1. Ti auguro di riuscire a visitarli, tra l’altro ci sono numerose città ed attrazioni meno gettonate di Amsterdam che meritano di essere scoperte. Con questo non voglio dire che AMS vada evitata però la capitale non è i Paesi Bassi, per scoprirli bisogna anche visitare altre zone del paese. Grazie di essere passata dal blog a trovarmi, ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *